Riapre il giardino chiuso da 70 anni

“L’oasi di via Terraggio ospiterà gli «orti condivisi» su modello parigino: il 12 invitati gli alunni delle scuole.”

Il giardino di via Terraggio

MILANO – È aperto da un po’, ma in pochi se ne sono accorti. Il portoncino d’accesso è spesso chiuso o accostato. E il cartello che svela cosa sta dietro quel portone, affisso più d’una volta, è stato rimosso da una mano sconosciuta. Per questo, perché la gente della zona conosca e si appropri del giardino «segreto» di via Terraggio, uno spazio che è rimasto chiuso al pubblico per 70 anni, la commissione Verde Ambiente di zona 1, con l’associazione Civiltà Contadina, il 12 novembre inviterà gli alunni delle scuole dei dintorni. A tutti loro saranno donati una coltura o un fiore da accudire fino a primavera. Perché l’obiettivo, spiega la presidente della commissione, Elena Grandi, è che il giardino «divenga il primo esempio milanese di giardino/orto condiviso, sul modello de Les Jardin partagés parigini».

Il portone che immette nel giardino segreto in via Terraggio 5

 

La piccola oasi verde è completamente chiusa tra palazzi di proprietà privata. A beneficiarne, per decenni, sono stati i soli residenti le cui case si affacciano sul verde. Che fu donato da Galeazzo Visconti e Ludovico il Moro a Lorenzo dè Medici insieme all’attiguo palazzo, tuttora detto Casa Medici, perché il principe fiorentino avesse un alloggio degno quando veniva a Milano in visita agli Sforza. Casa Medici fu poi trasformata in complesso monastico (il cui ex refettorio è divenuto il cinema d’essai Orchidea), quindi in caserma fino all’ acquisizione da parte del Comune. L’accesso avviene solo dal portoncino del civico 5 di via Terraggio. Due anni fa il Comune si sobbarcò la messa in sicurezza dell’accesso alle abitazioni. Ora l’iniziativa perché l’oasi diventi di tutti.

Paola d’Amico

via: Corriere della Sera

 

L’appuntamento è per sabato 12 novembre per tutte le info >>> clicca qui

 

Aggiungi un commento