PROGRAMMAZIONE ATTIVITA’ ANNO 2013

La commissione lavorerà seguendo le linee programmatiche redatte per il quinquennio, dando la priorità ad alcuni temi  già affrontati  nel corso del primo anno e mezzo del mandato.

VERDE E AMBIENTE

  •  Tenuto conto della Delibera di Giunta, n°2406 del 20.11.2012, che assegna ai Consigli di Zona deleghe e funzioni in merito alla manutenzione ordinaria e straordinaria del verde, (definizione del nuovo regolamento del decentramento) saranno predisposte, in collaborazione con i tecnici assegnati al settore Zona 1, le linee d’indirizzo riguardo alle priorità, alle modalità e alla tempistica degli interventi. Tali interventi dovranno avere caratteristiche di coerenza e di completezza tali da condurre alla  progressiva e definitiva soluzione delle situazioni critiche che mano a mano emergeranno. Saranno indicati come interventi prioritari quelli di sistemazione dei giardini, compresi i due Parchi, la manutenzione dei viali alberati e il monitoraggio delle nuove messe a dimora di alberi. Insieme alla Commissione Educazione si valuterà la necessità di interventi di manutenzione e di sistemazione  nei giardini scolastici.  Si promuoveranno progetti che prevedano la mappatura e l’identificazione delle essenze arboree nei parchi e nei giardini cittadini in collaborazione con Associazioni, Enti e con le Guardie Ecologiche. Ci si impegnerà nella puntuale verifica di ogni installazione temporanea all’interno dei parchi. Si solleciterà un maggiore controllo del rispetto delle regole da parte dei padroni dei cani al fine di impedire l’uso improprio delle aree a verde non assegnate ai cani. Si lavorerà alla stesura di sostanziali modifiche al regolamento del verde, sia pubblico che privato.
  • Nell’ottica della realizzazione del progetto dei “Giardini Condivisi”, oggetto della Delibera di Giunta n°1143 del 25.05.2012,  si intende operare a livello zonale per incentivare e sostenere le richieste che perverranno da parte di associazioni/comitati/ecc. Si intende anche lavorare a livello sovra-zonale, in sinergia con le Commissioni Ambiente e Verde delle 9 zone,  per creare una rete che sia di supporto e di coesione tra tutte le realtà associative che si occupano di promozione e di educazione alle pratiche ambientali e siano tese alla valorizzazione e alla condivisione del verde urbano. Si intende infine fare in modo che la suddetta delibera sia integrata da due punti fondamentali per la buona riuscita del progetto, ossia che vengano previste (là dove mancanti) sia opportune recinzioni e illuminazione, che allacciamenti alla rete idrica.
  • Si proseguirà la collaborazione con AMSA, con cui si sosterranno iniziative tese all’educazione civica e alla promozione della cultura del riciclo. Si programmeranno periodici incontri con i funzionari di AMSA competenti per la zona 1, al fine di mettere a punto interventi e progetti comuni (specie in merito alle aree prossime ai luoghi della movida notturna e alle aree cani). In collaborazione con AMSA e con l’Assessorato all’Ambiente si cercheranno soluzioni al problema dei graffiti, sia attraverso l’educazione nelle scuole, sia sostenendo maggiori e più efficaci controlli da parte della Polizia Municipale , sia identificando spazi appropriati da destinare ai graffitari, sia promuovendo  progetti pilota di pulizia dei graffiti su aree circoscritte; ciò potrà avvenire con la collaborazione delle associazioni e dei comitati cittadini e  attraverso contratti con società esterne utilizzando nel caso finanziamenti esterni e sponsorizzazioni.
  • Con l’Assessorato alla Salute si sosterranno progetti a favore dei diritti degli animali e, in generale, della loro tutela.
  • Si incoraggerà il risparmio energetico, anche attraverso la mappatura dello stato dell’arte degli impianti di riscaldamento negli edifici comunali al fine di giungere al completamento della sostituzione delle caldaie inquinanti (di proprietà comunale e non solo); si sosterrà la promozione di sistemi ecologici di riscaldamento (pompe di calore, teleriscaldamento, geotermico a bassa entalpia, ecc.), con incentivi/controlli tesi alla riduzione degli sprechi.
  • Si lavorerà con i settori competenti, con gli Assessorati e con i Comitati Cittadini perché il ripristino e la valorizzazione della Darsena, che comprenda il suo definitivo restauro come porto della città, avvenga nei tempi previsti in vista di EXPO 2015; e che tale restauro tenga però conto dei temi di EXPO 2015 oltre che del quinto referendum su Milano. A proposito della tutela e della valorizzazione delle oasi ecologiche, si promuoverà la ricerca e l’identificazione di aree che possano divenire luoghi in cui sostenere lo sviluppo di oasi ecologiche spontanee.
  • In collaborazione con la Commissione Mobilità si promuoveranno progetti tesi allo sviluppo della mobilità sostenibile e della mobilità ciclabile.
  • Si promuoveranno e si patrocineranno eventi all’interno di aree verdi, nelle strade, nelle piazze, tesi alla promozione delle buone pratiche ambientali, della mobilità sostenibile, della floricoltura, dell’orticoltura. Anche in collaborazione con le altre Commissioni.
  • Si darà avvio a un progetto mirato alla gestione più sostenibile del drenaggio urbano attraverso una riduzione o contenimento delle aree impermeabili, privilegiando tecniche di controllo sostenibile alla fonte (le cosiddette Infrastrutture Verdi o Green Infrastructure) quali fitodepurazione, pavimentazioni drenanti, tetti verdi (queste buone pratiche di gestione, che potrebbero essere attuate nel corso dei lavori di sistemazione di aree a verde, manti stradali, parcheggi, ecc, favoriscono l’infiltrazione nel suolo, l’assorbimento vegetale degli inquinanti delle acque di dilavamento e l’evapotraspirazione, riducendo di conseguenza la portata in fognatura e l’utilizzo di altri sistemi di trattamento più impattanti, oltre ad essere economicamente vantaggiose, sostenibili e portatrici di benefici ambientali.
  • Si studierà la possibilità di mettere in pratica progetti pilota tesi alla riduzione attiva dell’inquinamento.

CASA E DEMANIO

  • Tenuto conto della Delibera di Giunta n°420 del 02.03.2012, che assegna alle zone competenze sull’assegnazione di immobili ad uso non commerciale e l’emissione di bandi (o delle linee d’indirizzo per gli stessi), si provvederà alla mappatura completa degli immobili e delle proprietà comunali nella Zona 1, per poi potere definire con l’Assessorato le rispettive competenze.
  • Si promuoverà la collaborazione con le Università al fine di ottenere rilievi e progetti attinenti al recupero dei beni monumentali della zona che abbisognano di restauro o di lavori di ripristino e di valorizzazione.
  • Nell’ottica di una migliore utilizzazione delle proprietà demaniali, si lavorerà per assegnare ogni proprietà/area/ immobile ora non messa a profitto. Si cercherà altresì, attraverso il sistema dei bandi pubblici, di dare in concessione tutte quelle aree/immobili che abbisognano di importanti lavori di ristrutturazione/restauro. In questo caso, i contratti di locazione dovranno prevedere canoni che tengano conto degli investimenti dei locatari e dei servizi offerti ai cittadini, nel caso assegnatarie fossero associazioni no-profit.
  • Per quanto attiene alla sempre più numerosa richiesta di spazi da parte delle Associazioni, si metterà a punto un regolamento e una tipologia di bando pubblico che faciliti e sveltisca le pratiche di assegnazioni degli spazi. Tali spazi dovranno essere identificati secondo un progetto omogeneo (così come è stato per i caselli daziari, per i quali  sono già state date  linee d’indirizzo per l’utilizzo).
  • Si promuoverà un piano di alienazione di tutte le aree intercluse o delle piccole porzioni stradali o degli appartamenti siti in proprietà multiple.

FONDI MAAP

  • Nell’ottica di quanto sopra esposto si prevede di impiegare i fondi MAAP che saranno messi a disposizione della Commissione per sostenere iniziative tese alla promozione dell’educazione all’ambiente, alle pratiche di giardinaggio e di orticultura urbana. Si potranno sostenere anche iniziative che prevedano l’intervento attivo di cittadini/comitati/associazioni finalizzati al miglioramento dell’aspetto della città o all’educazione civica. Infine si cercherà di sostenere iniziative tese alla valorizzazione di aree demaniali pubbliche sottoutilizzate o in stato di degrado.

 

Elena Grandi

Gaia Chaillet

Aggiungi un commento